Il museo archeologico di Palazzo Vitelleschi a Tarquinia

 

risorse utili per gli appassionati di storia ed archeologia

schede

etruschi nel Lazio

Tarquinia, archeologia e mare

Tarquinia medievale


Una gita nella bella Tarquinia (Vt) sempre una grande idea. Anche se non c' il tempo di vedere molte tombe nella famosa necropoli di Monterozzi e non si hanno molte ore per un'escursione anche all'Ara della Regina. Nel museo di Palazzo Vitelleschi sono comunque esposti tantissimi materiali (sarcofagi, vasellame, affreschi staccati ecc.) e poi Tarquinia, poco a nord di Civitavecchia, un luogo piacevole. Infatti il contesto medievale ben apprezzabile (a cominciare dalla zona di S.Maria in Castello) ed il mare poco distante.



la facciata rinascimentale di Palazzo Vitelleschi, foto ap




Il Museo archeologico nazionale tarquiniense gestito dallo Stato nell'ambito della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Etruria Meridionale competente anche per Vulci, Cerveteri, Villa Giulia a Roma,  ecc..

Per chi arriva in treno a Tarquinia stazione (in basso) ovvero a Civitavecchia (stazione) ci sono anche gli autobus della ditta Eusepi che arrivano fino a pochi metri dal palazzo citato. Basta informarsi sugli orari. Infine l'Ufficio Informazioni Accoglienza Turistica alla c.d. Barriera San Giusto dove si arriva con le auto od i bus di linea. Tutto in pochi passi.


loggiato del bel palazzo ed alcuni sarcofagi, foto ap



L'esposizione museale si articola come segue: al piano terra si vedono numerosi sarcofagi, cippi ed altro, al primo piano sono prevalenti le vetrine dedicate a ceramiche ed altri reperti rinvenuti in tombe (fra questi alcuni riferibili all'epoca  del faraone egiziano Bocchoris), al secondo piano invece sono invece visibili i reperti dell'Ara della Regina (cavalli alati ecc.) e nella sala attigua alla cappella sono infine ricostruite quattro tombe con relativi affreschi originari.


una delle sale del museo etrusco in una bella foto di Eleonora Elle. , 2014

Per visitare la necropoli va invece considerato che ad una certa distanza dalla cittadina e che la stessa ha diverse zone (necropoli del Calvario, necropoli Scataglini ecc.) e che gli orari di visita variano in base alla stagione. C' poi anche un sepolcreto villanoviano (pi antico) in zona Villa Bruschi Falgari.

Se poi vi appassionate di etruscologia (capita facilmente...) ci sono tantissimi testi. Fra i pi approfonditi - fino a qualche tempo fa- consigliavano i testi di Massimo Pallottino. In tutti i casi proseguite per Cerveteri, Vulci, Tuscania, Chiusi, Volterra e via continuando.


particolare di affresco staccato
foto da wikipedia
nel museo sono ricostruite 4 tombe

 

 


i famosi cavalli ritrovati nella zona dell'Ara della Regina
foto da wikimedia
La lastra in terracotta fu ritrovata nel 1938 dall'archeologo Pietro Romanelli
I cavalli stavano a circa 3 metri di profondit e decoravano il frontone dell''antico tempio.
Lo stile conferma che a Tarquinia in quell'epoca (inizi IV secolo a.C.) era arrivato
il gusto ellenistico (come avvenne anche in altri contesti etruschi). Fra gli anni 1934-1946
furono effettuate ricerche sistematiche sul colle Civita ecc. e fu trovato questo bel reperto.
Probabilmente all'epoca i cavalli erano abbinati ad una biga
Altri piccoli pezzi della decorazione complessiva del tempio sono nel museo
Alcuni anni fa la pregevole scultura stata restaurata

 

nota: il primo nucleo di quanto ora esposto a Palazzo Vitelleschi proviene dalle collezioni comunali e quindi - in parte- dagli scavi effettuati nell'ottocento da Luigi Dasti e Wolfang Helbig

 


vecchia foto: come erano le esposizioni di vasi molti anni fa
ora il museo impostato su criteri moderni ed ha anche un bookshop
gli utenti internet possono accedere pure al museo virtuale

 per accedere: copia sul bronswer: http://tarchna.tarchna.it/totemonline/

 

 


HOME